23 giugno 2013, Un trapianto di cuore in un robot, di Giulia (studentessa di III media) - ECLT - Università di Pavia

Vai ai contenuti

23 giugno 2013, Un trapianto di cuore in un robot, di Giulia (studentessa di III media)

ROBOTS


Nell’Ospedale maggiore di Robotilandia alcuni chirurghi si stanno preparando per trapiantarmi un cuore.
Robotilandia è una città di robots e io, che vi racconto questa storia, sono un robot.
La nostra vita agli umani sembra semplice, invece è molto complessa. Noi robots siamo al servizio dell’uomo: è l’uomo che ci comanda.
Dobbiamo svolgere lavori faticosi e di massima precisione che gli uomini non sono in grado di fare perché sono pigri o perché non hanno la forza necessaria.
In questo paese ci sono due classi sociali: robots cittadini e robots servi.
Fortunatamente io sono un "cittadino" e ho il privilegio di svolgere lavori non faticosi.
I robots come me sono macchine non programmate e quindi abbastanza libere di fare le nostre scelte; al contrario i nostri fratelli "servi" sono robots programmati e quindi "comandati".
Noi robots siamo strani individui, perché di fronte ad una brutta notizia o ad un avvenimento bello non sentiamo alcunchè perché non abbiamo un cuore umano.
Il nostro cuore di metallo, infatti, non è in grado di provare emozioni, sentimenti, desideri o speranze.
Io vorrei tanto sperimentare quello che tutti gli umani sentono quotidianamente: amore, odio, gioia, dolore, allegria, tristezza, paura, generosità….
E per questo motivo ho chiesto al chirurgo un cuore "di carne".
Questi mi ha risposto con un no secco e solo dopo molta insistenza ha accettato la mia proposta: sarà il primo trapianto di cuore umano a un robot.
Il cuore che mi hanno trapiantato apparteneva a un essere umano che, terribilmente malato e senza alcuna speranza di guarigione volle essere "aiutato a morire" per mettere fine alle proprie sofferenze.
Ora il suo cuore batte in me e io posso sentire ciò che prova un uomo: sono il primo cyber-uomo eterno e sentimentale.
Secondo me non è importante che un individuo sia di carne o di metallo, è importante che abbia un cuore, perché ciò che rende un individuo unico e speciale è la meravigliosa certezza di poter sentire e ascoltare il suo cuore.


Torna ai contenuti